I saluti di Massimo Bastiani, coordinatore del Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume per il 2015

Cari amici,

è stato un anno importante per i contatti di fiume ed insieme abbiamo raggiunto molti degli obiettivi che ci eravamo posti sia a livello nazionale che regionale. Il IX tavolo di Venezia dello scorso novembre, ha rappresentato certamente un momento utilissimo di sintesi dialettica e come sempre siamo abituati a fare, un confronto tra le istituzioni, associazioni, studiosi, tecnici, ricercatori e comunità locali che rappresentano l’anima del Tavolo Nazionale.

Voglio ringraziare personalmente tutti coloro che hanno contribuito alle due splendide giornate di Venezia a partire dalla Regione Veneto, UVB, Consorzio di Bonifica Delta del PO; Alta Scuola, IUAV, UNESCO, Ministero dell’Ambiente, Coordinamento A21Italy….., ma in particolare le oltre 500 persone e circa 80 relatori, venuti da tutta Italia, che hanno partecipato attivamente e ci hanno fatto sentire la loro voce. Vi ricordo che sul sito http://nuke.a21fiumi.eu/ trovate il link a UVB per scaricare le presentazioni, video ed altro sul nostro congresso di Venezia.

Un ringraziamento va anche agli aderenti al Comitato promotore di Venezia 2014 e a tutti coloro che hanno lavorato nei quattro gruppi di lavoro, nei quali si sta dando un fondamentale contributo nell’affrontare importanti tematiche ed in particolare ai loro coordinatori, che si sono dimostrati una grande risorsa; alle giurie del Premio CdF2014; un grazie all’On. Chiara Braga e Erasmo D’Angelis per averci aiutato a portare molti dei nostri temi al centro del dibattito politico nazionale.

Un ringraziamento anticipato alla Regione Lombardia che sta prendendo il “testimone” del X Tavolo, con l’augurio che quella di Milano/Expo2015 sarà una nuova memorabile edizione.

Ma noi non siamo propensi alle autocelebrazioni e dobbiamo guardare avanti, ed è proprio questa nuova fase che abbiano davanti, che forse, si presenterà come la più delicata da affrontare, innanzi tutto per le molteplici attese ed aspettative che intorno ai contratti di fiume si sono create.

Il cambiamento al quale stiamo contribuendo è fatto dall’aver veicolato una nuova cultura del territorio e dei fiumi, ma dovrà sostanziarsi sempre più, attraverso atti concreti ed azioni da realizzare. Tutto ciò ci impone di essere costantemente presenti e fattivi, di continuare a dare il nostro contributo alle politiche e strategie nazionali, regionali, locali, essere presenti a supporto del numero sempre crescente di persone che vedono in strumenti come i contratti di fiume una prospettiva, una speranza di futuro, per superare quella sorta di “moto inerziale” che è fatto di consuetudini, che finisce per incidere negativamente sulle decisioni.

Un augurio di felice natale e di un 2015 all’insegna dei Contratti di Fiume

Massimo Bastiani, coordinatore del Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...